In occasione del 21 marzo, Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, anche il nostro Istituto è stato coinvolto virtualmente dalla campagna promossa da Libera. I ragazzi e le ragazze di 3^K, dopo aver consultato l’elenco di tutte le vittime innocenti delle mafie (https://vivi.libera.it/it-ricerca_nomi ), hanno scritto su un foglio il nome della vittima da ricordare, raccolto un fiore dal giardino o realizzatone uno con creatività e fantasia e condiviso con i compagni, da remoto, il proprio impegno a Ricordare.

Il lungo elenco delle vittime innocenti riporta tanti nomi sconosciuti, tanti nomi di giovani ragazzi vittime delle violenze e delle ingiustizie, tanti nomi di donne forti uccise proprio per il loro coraggio, tanti nomi di bambini vittime inconsapevoli, tanti nomi di magistrati e uomini dello Stato; ricordarli per nome, leggerne la storia personale, ricordarli non solo a voce, serve anche a scrivere la loro storia nelle nostre coscienze. La classe, insieme ai compagni della seziona A, aveva avuto l’anno scorso l’occasione di incontrare in un webinar eTwinning, in collegamento con altre 150 scuole di tutta Italia, proprio il presidente dell’Associazione Libera don Luigi Ciotti e già allora don Ciotti aveva sottolineato ai ragazzi il valore delle relazioni (unità di misura dei rapporti umani), della Responsabilità e della Legalità e ricordava che “la Speranza, se non viene condivisa, resta fragile”. 

Proprio in questi giorni gli Alunni e le Alunne delle classi terze della Secondaria avrebbero dovuto incontrare la dott.ssa Bianca Scalet, membro del Consiglio Direttivo dell’Agenzia Nazionale per i Beni Sequestrati e Confiscati. L’incontro faceva parte di un percorso formativo finalizzato alla creazione di un circolo virtuoso fra i giovani cittadini e le istituzioni in modo da far crescere l’assunzione di Responsabilità  di ciascuno in ordine ai problemi della propria comunità e alla tutela dei beni di tutti. 

In quest’anno scolastico, inoltre, 17 classi, tra Primaria e Secondaria, avrebbero dovuto intraprendere percorsi formativi sui temi di Cittadinanza (Costituzione, Ambiente e Giustizia ambientale, mafie ed ecomafie, Giustizia e giustizialismo, disuguaglianze e Giustizia sociale) con i volontari del Coordinamento di Libera Treviso; purtroppo sono stati solo avviati, ma siamo certi che i nostri Alunni e le nostre Alunne, guidati e incoraggiati dagli insegnanti e dalle famiglie,  in questi giorni difficili sapranno percorrere gli itinerari per una cittadinanza consapevole. Don Ciotti ci ricorda anche che “La speranza è un cammino da percorrere e, prima ancora, da tracciare insieme. La speranza è di tutti o non è speranza”

#memoriaimpegno

#21marzo2020

#iorestoacasa